Genitori meno imposte uguale: pagano i bambini

Questo è lo scotto della fine delle democrazia in questo paese. Mi piacerebbe sapere quali sono i commenti dei lettori e dei concittadini. Io porterei personalmente i miei figli a casa del sindaco che ha vietato loro il parco giochi.

Il sindaco di San Germano ha deciso i adottare questo metodo barbino, giustificandosi con un: le imposte servono a finanziare i servizi e chi non le paga non ne ha diritto. Peccato che di quei servizi non usufruiscono i bambini. O, meglio, non sono loro ad evadere Tari o Tasi. Intanto, però, per questo weekend molte famiglie non potranno portare i loro figli al parco.

È il caso di dire che le colpe dei padri ricadono sui figli. E come la mettiamo con nuclei famigliari non abbienti? Come dichiara Il Giornale: Tra le famiglie a cui è stato sospeso l’ingresso al parco giochi ci sono molti nuclei di origine marocchina.

Il Giornale l’ha definita “necessaria”, tra virgolette. Libero l’ha definita clamorosa. E noi siamo sempre più convinti che centomila euro di buco nelle casse comunali non si recuperano così. È un diritto indergogabile, inamovibile, irremovibile che i bambini del mondo possano frequentare parchi pubblici indipendentemente dalle disponibilità economiche dei genitori, dal colore della loro pelle. Solito abuso di un alto funzionario pubblico? Invece di pensare a certe contromisure azzardate sarebbe bene che il sindaco di San Germano pensi a come rendere più appetibili i servizi nella sua amministrazione.

Ho letto questa notizia su agi.it: Di fronte a questa grave ingiustizia la Federconsumatori, attraverso il suo Osservatorio sulle Famiglie, è a disposizione dei cittadini lesi da tale provvedimento, per offrire informazioni sui propri diritti e tutela, anche di carattere legale. – traggo un sospiro di sollievo.

da ilgiornale.it

da ilgiornale.it

Ci hanno googlato 227 milioni

Ammonterebbe a 227 milioni di euro quello che la Guardia di Finanza richiederebbe al colosso di internet, occultava il fisco un’organizzazione stabile al nostro paese ancora una volta in favore dell’Irlanda. La direttrice dell’Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi, ha confermato che le Fiamme Gialle stanno notificando il verbale, che sarà poi trasmesso all’Agenzia, la quale deciderà l’importo definitivo che Google dovrà pagare per aver eluso i controllo sfruttando ingegnerie finanziarie offerte da evidenti lacune nella normativa nazionale e internazionale.

A quanto pare non siamo soli. Entro il 2005, Google avrebbe dovuto versare circa 140 milioni al Regno Unito. Ma, tanto per cambiare, siamo lenti anche in questo rispetto agli altri paesi europei. Come abbiamo visto per la visita del presidente iraniano e per quanto Apple stava per prendere al nostro fisco.

Riporta Libero: Da altri controlli in corso l’evasione di Google potrebbe toccare quota 600milioni di euro. Sommandoli a quelli di Apple verrebbe da pensare “ecco dove sono andati i soldi dei risparmiatori”, senza necessariamente andare a pensare alle banche. Pare che ad occuparsi della vicenda sarà l’Agenzia delle entrate per trattare la somma finale da versare. Google si era già detta disponibile a pagare 114 milioni per il periodo 2008-2012. Ci accontenteremo della metà di quanto ci devono?

Certo, potevamo accorgercene prima considerando che c’è ancora un altro paese che stava investigando sulle posizioni di aziende simili. Ed è proprio il paese madre di queste imprese: gli Stati Uniti. Come scrive Kelly Philips Erb sulle pagine di Forbes Online, gli USA stavano già indagando su Apple prima che il governo italiano iniziasse a fare i suoi conti. E la notizia non era segreta. In più, continua a commentare la nostra posizione nei confronti di Google: For now, no matter how much Italian taxing authorities might want the laws to be different, they’re not. The laws that they must deal with are those currently on the books. Apple maintains that it hasn’t done anything illegal, an argument that has proved to work for them so far. But so long as countries like Italy see money on the table, they’re likely to keep grabbing at it. In parole povere, il nostro sistema legale non permette di mantenere – e magare distribuire ai nostri imprenditori – i capitali guadagnati qui da aziende estere. Aziende che riescono a fare product placement ovunque, come magari qualcuno al vertice del nostro governo sa bene. 

da baekdal.com

da baekdal.com

Chi le ha detto che Rohani si sarebbe offeso?

Ha regalato al papa un libro di miniature di un artista contemporaneo che non copre le curve femminili – Ha appena finito di dichiarare Mentana in apertura del TG di La7 parlando di Rohani e la sua visita a Papa Francesco. Sarà necessario individuare i responsabili della decisione presa in merito a coprire le statue dei Musei capi

Da ansa.it

Da ansa.it

tolini, in occasione della visita a Roma del presidente iraniano. Dario Franceschini, ministro per i beni culturali, l’ha chiamata una scelta incomprensibile: ciò che non si capisce è come mai nè lui nè il caro premier stiano ancora ad interrogarsi sulle responsabilità di una tale sottomissione verso un ospite che, a quanto pare, non si è posto il problema di rivolgersi al Santo Padre secondo un particolare comportamento bigotto.

Non vorremmo che un dettaglio così trascurabile fosse la bandiera di quanto sfugge al controllo dei nostri attuali membri del consiglio dei ministri. E, così, mentre alcuni importanti paesi del nord e dell’est d’Europa guardandosi bene da chi entra sul proprio suolo – arrivando addirittura a confiscare i beni – ci comportiamo ancora come una nazione da depredare. Prima Apple, poi Google. Non so se si possa arrivare ad un concorato con il presidente iraniano.

Certo, c’è da esultare al pensiero di Papa Francesco, appena due settimane fa, che aveva lodato gli accordi sul nucleare e incoraggiato il ruolo che l’Iran può svolgere a favore della pace nella regione. A cominciare dalla Siria. Come riporta Carlo Marroni sulle pagine de il Sole 24 Ore, è proprio questo il segno di una sensibilità diplomatica e politica tra il Vaticano e l’Iran, cuore dell’islam sciita verso cui è alta l’attenzione del mondo cattolico.

E tanto per cambiare, riportiamo uno dei commenti dei guardiani dei Musei Capitolini: appena hanno saputo che c’erano soldi in ballo, hanno coperto le statue. E anche negli Stati Uniti la conduttrice del TG della CNN si è chiesta: ma se Rohani non ha visto le statue nei Musei Capitolini … che cos’ha visto?

Ordini e domanda di credito in crescita.

Riportiamo ancora una notizia di agenzia da ansa.it
Ma ci è sembrato doveroso riportare anche un approfondimento pubblicato su Wall Street Italia scritto da Alberto Battipaglia.

Sulla flessione trimestrale pesa la dinamica negativa delle vendite di prodotti energetici, al netto dei quali il fatturato risulta, complessivamente, in lieve crescita (+0,1%). A novembre gli indici destagionalizzati del fatturato segnano incrementi congiunturali per l’energia (+0,6%) e per i beni di consumo (+0,3%), mentre registrano una flessione i beni strumentali (-3,7%) e i beni intermedi (-0,5%). A livello tendenziale l’Istat osserva come le variazioni positive più significative riguardano i settori della fabbricazione di mezzi di trasporto (+8,0%), della fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche, altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (+6,1%) e delle attività estrattive (+5,5%). Le variazioni negative più marcate si rilevano nella fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (-16,1%), nella fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche (-4,5%) e nell’industria del legno, carta e stampa (-2,5%).

Gli ordinativi dell’industria crescono dell’1,6% a novembre 2015 rispetto a ottobre e del 12,1% rispetto a novembre 2014. Così l’Istat. L’aumento congiunturale è la sintesi di un aumento del 4,4% degli ordinativi interni e un calo del 2,5% di quelli esteri. L’incremento tendenziale più rilevante è nella fabbricazione di prodotti di elettronica (+157,1%) ed è attribuibile a commesse nella fabbricazione di strumenti di misurazione e navigazione.

Vendite novembre +0,3% su mese, -0,1% anno – A novembre 2015 le vendite al dettaglio aumentano dello 0,3% in valore rispetto a ottobre. Lo rileva l’Istat. Rispetto a novembre 2014 c’è un calo dello 0,1% (dati grezzi). Questa diminuzione è dovuta alla flessione della grande distribuzione (-0,5%), mentre sono in crescita le vendite dei piccoli negozi (+0,2%).

Nella grande distribuzione il valore delle vendite diminuisce, in termini tendenziali, dello 0,3% per i prodotti alimentari e dello 0,8% per quelli non alimentari. In particolare, l’Istat segnala che diminuiscono le vendite di ipermercati e supermercati (rispettivamente -2,5% e -0,6%) mentre aumentano quelle dei discount (+0,8%). Nelle imprese operanti su piccole superfici, le vendite diminuiscono dello 0,4% per i prodotti alimentari e aumentano dello 0,5% per quelli non alimentari. In generale, nel confronto con il 2014, il valore delle vendite cala dello 0,2% per i prodotti alimentari ed è invariato per quelli non alimentari. Nei primi undici mesi del 2015, il valore complessivo delle vendite vede un incremento tendenziale dello 0,8% con variazioni positive sia per gli alimentari sia per i non alimentari (rispettivamente +1,3% e +0,6%). Quanto all’indice in volume delle vendite, questo registra una variazione positiva rispetto a ottobre 2015 (+0,3%) e una variazione negativa rispetto a novembre 2014 (-1,0%).

Ed ecco un approfondimento di Battipaglia.

La domande di finanziamento da parte delle imprese italiane è in crescita nell’ultimo trimestre dell’anno, segnando l’incremento più pronunciato dal 2008 a oggi. Lo ha reso noto il barometro Crif, nel quale si legge che l’incremento nelle domande è stato dell’8,1% rispetto allo stesso periodo del 2014; se si considera l’intero 2015, invece, l’incremento è stato del 4,5%. In crescita anche l’importo medio richiesto che passa dai 69.478 del 2014 ai 72.805.

A dicembre il barometro Crif ha rilevato, invece, un calo tendenziale nella domanda di prestiti da parte delle famiglie, in calo dopo 14 mesi d’incremento: -4,1%. La media dell’anno resta, però, in crescita del 5,9%.

da ansa.it

da ansa.it

Mps e Santander

da ansa.it

da ansa.it

Riportiamo una notizia di agenzia da ansa.it

Le grandi manovre sul titolo di Banca Mps potrebbero essere il preludio di un riavvicinamento a Rocca Salimbeni degli spagnoli del Santander. Secondo fonti finanziarie proprio dalla Spagna, dove il dossier Mps sarebbe sui tavoli ormai da qualche giorno, ci sarebbero state anche alcune avance per verificare le possibilità di un eventuale prossimo ‘matrimonio’. Sullo stesso fronte, dicono altre fonti, si muoverebbe anche Bnp Paribas, ma il Santander sarebbe più avanti.

In serata però,  Banco Santander “nega” il suo interesse “all’acquisto di Mps”. E’ quanto scrive in una breve nota la banca spagnola a proposito delle voci che lo vorrebbero vicino all’acquisizione del Monte.

Fiamme gialle e calcio

Molti di voi conosceranno il particolare legame tra Arturo di Mascio ed il calcio. Dunque, è arrivato il momento di condividere una notizia de Il Sole 24 Ore scritta ieri. Buona lettura.

La Guardia di Finanza sta eseguendo un decreto di perquisizione e sequestro nei confronti di 64 persone tra cui massimi dirigenti, calciatori e procuratori di squadre di calcio di serie A e B. L’ipotesi di reato è evasione fiscale e false fatturazioni. L’inchiesta è condotta dai pm della procura di Napoli Danilo De Simone, Stefano Capuano e Vincenzo Ranieri, coordinati dal procuratore aggiunto Vincenzo Piscitelli.

Le Fiamme gialle si trovano, in particolare, negli uffici della sede del Milan per acquisire documenti. I militari si sarebbero presentati a Casa Milan verso le 8.30.

Tra le decine di indagati nell’indagine della procura di Napoli, che ha portato al sequestro di beni per circa 12 milioni, ci sarebbero l’Ad del Milan Adriano Galliani, il numero uno della società partenopea Aurelio De Laurentis, il presidente della Lazio Claudio Lotito, l’ex presidente e ad della Juventus Jean Claude Blanc. Tra i calciatori, indagati anche l’ex attaccante del Napoli Lavezzi e l’ex Giocatore Crespo. Coinvolti, infine, diversi procuratori, tra cui Alessandro Moggi.

Dall’operazione, chiamata “Fuorigioco”, emerge – secondo il procuratore aggiunto di Napoli, Vincenzo Piscitelli – l’esistenza di un radicato sistema finalizzato ad evadere le imposte, posto in essere da 35 società calcistiche di serie A e B nonché da oltre un centinaio di persone fisiche, tra calciatori e loro procuratori. In particolare, il meccanismo fraudolento architettato per sottrarre materia imponibile alle casse dello Stato italiano è stato adottato nel contesto delle operazioni commerciali sulla compravendita di calciatori.

In particolare, i sequestri riguardano «somme di denaro esistenti e disponibili» sui conti correnti di 58 indagati; le perquisizioni sono a carico di 33 tra calciatori e agenti. L’inchiesta coinvolge complessivamente 101 soggetti e 35 società di calcio professionistiche militanti nei campionati di serie A e B per le ipotesi di reato di dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti, dichiarazione infedele, omessa dichiarazione, emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti. L’indagine ha comportato acquisizioni di documenti in Federcalcio e nei confronti di 41 società di serie A, B e Lega Pro.

Jojob: la startup del carpooling aziendale raccoglie 180mila euro in un mese su SiamoSoci

da jojob.it

da jojob.it

Riportiamo una notizia da Il Sole 24 Ore. Firmato da Biagio Simonetta.

Quando la competizione è tanta, e i competitor possono attingere da investimenti impareggiabili, verticalizzare può essere la strada giusta. O almeno così è stato per quelli di BringMe, startup fondata nel 2011 grazie al supporto di I3P, l’incubatore d’impresa nato nel 1999 all’interno del Politecnico di Torino.

Il loro servizio di car-pooling era troppo simile a quello offerto da Blablacar, con la differenza che il colosso francese viaggiava già su onde di investimenti a otto zeri. Competere e basta sarebbe stato uguale ad uscire dal mercato in pochi mesi. Così, Gerard Albertengo (Ceo di BringMe) e i suoi, decisero di verticalizzare e di concentrarsi esclusivamente sui lavoratori. Da qui è nato Jojob (che ora è anche il nome della startup), un servizio carpooling aziendale che “sfrutta” la norma legata al mobility management, ovvero quella norma che vincola le aziende con oltre 800 dipendenti e gli enti pubblici con più di 300 dipendenti a favorire soluzioni di trasporto alternativo a ridotto impatto ambientale.

Un’idea che sembra aver fatto bene a quelli di BringMe. E oggi la startup ha fatto sapere di aver raccolto 180 mila euro attraverso SiamoSoci, piattaforma di equity crowdfunding, luogo di incontro online tra startup e potenziali investitori. «Con il round aperto a novembre su SiamoSoci abbiamo raccolto 180K Euro e nei prossimi giorni firmeremo l’aumento di capitale, dando il benvenuto a nove nuovi soci» ha detto il Ceo Albertengo. Due mesi fa quelli di Jojob avevano lanciato proprio su SiamoSoci una campagna di fundraising allo scopo di raccogliere i capitali necessari alla crescita dell’azienda. Una crescita che ha come obiettivo a medio termine l’internazionalizzazione del servizio. E in meno di 30 giorni la startup ha raccolto 180 mila euro, da 9 investitori privati.

Anche i numeri operativi di Jojob sono interessanti: ad oggi i passaggi fra colleghi sono stati più di 6.000 e hanno coinvolto oltre 50.000 dipendenti tra quelli di aziende come Amazon, Ferragamo, Yoox, Coop, Heineken, Auchan, Bnl, Luxottica.

Jojob è una delle 191 startup che dal 1999 I3P ha incubato mettendo insieme le competenze del mondo dell’imprenditoria con l’expertise generate dal Politecnico. Il consorzio, guidato dal Ceo Marco Cantamessa e dal Coo Massimiliano Ceaglio, nel 2015 ha raccolto investimenti a favore delle startup pari a 15 milioni di euro, sfruttando un momento di grande sensibilità da parte degli investitori professionali – fondi di Venture Capital e Business Angel – e di interesse di investitori privati. Proprio questi ultimi sono i protagonisti del round di Jojob: si tratta di persone che hanno scelto di investire in aziende innovative in alternativa alla Borsa o a prodotti finanziari classici, che oggi vengono percepiti come troppo rischiosi e slegati dall’economia reale.

USA: aumento richieste di sussidio di disoccupazione

Riportiamo un articolo di Yahoo! Finanza. Molti sapranno quanto sono affezionato a New York ed agli Stati Uniti.

Usa/Usa, richieste iniziali sussidi lavoro in rialzo a massimi 6 mesiNew York, 21 gen. (askanews) – Il numero di lavoratori che per la prima volta hanno fatto richiesta per ottenere i sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti è cresciuto la settimana scorsa, toccando il massimo in sei mesi. Il dato, che pure riflette un moderato aumento dei licenziamenti nella prima parte dell’anno, resta comunque in linea con i miglioramenti recenti del mercato del lavoro.

Secondo quanto riportato dal dipartimento del Lavoro, nella settimana conclusa il 16 gennaio, le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione sono salite di 10.000 unità a 293.000, il massimo da luglio. Il dato resta comunque sotto quota 300.000, un’importante soglia che segnala il buono stato dell’occupazione.

 

Gli analisti attendevano un calo a 277.000 unità, rispetto alle 283.000 della settimana scorsa (rivisto al ribasso dalle 284.000 unità della prima stima).

 

La media delle quattro settimane, più attendibile in quanto non soggetta alle fluttuazioni del mercato, è salita di 6.500 unità a 285.000, il massimo da aprile 2015. Il dato è superiore alla media del 2015, pari a circa 278.000 unità.

 

Il numero complessivo dei lavoratori che ricevono sussidi di disoccupazione per più di una settimana – relativo alla settimana terminata il 9 gennaio, l’ultima per la quale è disponibile il dato – è calato di 56.000 unità a 2,208 milioni.

 

Il salvataggio di Draghi

Oggi un articolo totalmente nostrano che i miei lettori su facebook potranno vedere domani. E forse in questo periodo di grande volatilità per le banche è il caso di rilassarsi un momento leggendo cosa è avvenuto il giorno dopo e fare un raffronto con 24 ore di distanza. Così, anche i meno esperti potranno operare e immaginare una progressione nel tempo.

Una notizia di agenzia riporta nel proprio titolo Tassi fermi per lungo periodo di tempo. Le borse corrono. Si. Ricordiamoci cosa è successo negli ultimi due giorni, con le borse europee in caduta libera e Milano in testa al veivolo in picchiata. L’ennesimo salvataggio di Draghi rimescola tutte le carte. Oggi la sola Piazza Affari guadagna il 3% – dopo il punto percentuale in più avuto in mattinata.

I tassi sono rimasti fermi e resteranno così per un lungo periodo di tempo. Con l’inizio dell’anno i rischi al ribasso sono aumentati di nuovo, c’e’ volatilità ed in questo ambiente l’inflazione resta debole. Alla luce degli sviluppi di inizio anno la Bce rivedrà la propria politica monetaria a marzo. – Mario Draghi

Ma bisogna procedere cauti, perché la volatilità resta altissima e i rischi di investimento in questa fase anche, così scrive Stefano Carrer sulle pagine de Il Sole 24 Ore, ricordandoci anche che la dichiarazione e la scelta della BCE hanno immediatamente fatto scendere lo spread sotto i cento punti.

E probabilmente è divenuto doveroso indicare ai lettori una pessima figura fatta dal nostro premier, riportata su Wall Street Italia da Laura Naka Antonelli:

“Gli analisti con cui parliamo tutti noi, i big, di Jp Morgan e di altre realtà sanno perfettamente che investire in Italia oggi è una ghiotta opportunità. Direttore, investire in Italia è una delle scelte più convenienti oggi: Paese stabile, sistema solido, tensioni geopolitiche altrove. Gli investitori lo sanno”.

È sicuro del fatto suo Renzi, mentre rilascia un’intervista al Sole 24 Ore. Viene però il dubbio che il premier non sia però molto informato sulle novità che arrivano dal mondo della finanza. Cita JP Morgan, ma forse avrebbe fatto meglio a fare un altro nome.

Proprio di qualche giorno fa, infatti, usciva l’articolo di Reuters, dal titolo “Italy bank stocks plunge, brokers say tough 2016 ahead”, ovvero: “Titoli bancari italiani crollano, i broker prevedono un 2016 difficile”. Andrebbe tutto bene, se non fosse che Reuters cita proprio JP Morgan:

“JP Morgan said this month Italian banks should be avoided because low interest rates are expected to put pressure on revenues more than in other countries and credit problems limit a recovery in provisions”, ovvero: “JP Morgan ha detto questo mese che le banche italiane dovrebbero essere evitate, in quanto si stima che i bassi tassi di interesse metteranno sotto pressione i loro ricavi più che in altri paesi e i problemi relativi al credito limiteranno il recupero degli accantonamenti”.Draghi,Ue fatto passi avanti ma ancora dubbi su futuro

Europa: USA, non vi temo

Yahoo riporta una importante opinione, oggi, grazie a Rossana Prezioso:

Le Banche Centrali guidano il mercato, ormai è chiaro e palese a tutti. Oggi se n’è avuto un esempio partendo proprio dalla richiesta fatta dalla Bce (Toronto: BCE-PA.TOnotizie) alle banche italiane per riuscire a capire lo stato effettivo dei crediti in sofferenza, richiesta che ha creato tensioni in realtà già presenti ma che sono uscite prepotentemente allo scoperto.

Tra Fed e Bce

La Bce per molti è stato il trampolino che ha permesso ai mercati europei di riacquistare un po’ di serenità dopo i travagliati momenti che hanno visto la Grecia come protagonista e l’euro a rischio dissolvimento. Eventualità che è stata esclusa sia grazie a una serie di provvedimenti di politica monetaria ma anche grazie alla scelta storica di un Quantitative Easing europeo sulla falsariga di quello statunitense proprio mentre dagli Usa la politica del taglio dei tassi e dei rendimenti a zero giungeva al termine. Ecco allora che dopo anni di politiche accomodanti e svalutazioni più o meno competitive le due grandi protagoniste, Fed e Bce vedono le loro strade dividersi: da uan parte la Federal Reserve decisa a voler intraprendere una strada di normalizzazione che però dovrà anche tener conto delle sempre più numerose incognite presenti sui mercati internazionali, dall’altra invece la Bce che, conscia di una situazione ancora pericolante e irta di difficoltà tra le mura del Vecchio Continente è disposta a prolungare la sua strategia di stimolo anche oltre il marzo del 2017, ultima data annunciata come termine del QE in parallelo, per quanto non ancora ufficializzato, a possibili implementazioni anche sul fronte della quantità di liquidità immessa

La view di  La Financière de l’Echiquier

Ed è da questo punto che parte il commento mensile di La Financière de l’Echiquier che paragona il movimento di rialzo dei tassi USA alla guerra del tenente Drogo ne Il Deserto dei Tartari ovvero sempre annunciato e mai avvistato. Almeno fino a quello storico 16 dicembre del 2015 quando Janet Yellen ha dato l’annuncio. Poco prima Draghi aveva spostato invece il termine ultimo di chiusura del QE dal settembre del 2015 a marzo del 2016l’euro con la prima conseguenza, come fanno notare a La Financière de l’Echiquier di un -8% dell’euro contro il dollaro dopo il rimbalzo di ottobre che lo aveva portato a 1,15. Per quanto riguarda l’andamento dei mercati obbligazionari per loro i tassi a lungo termine statunitensi tenderanno al rialzo mentre in Europa, caso raro, si avrà una permanenza dei tassi bassissimi i quali non saranno influenzati dal trend statunitense il quale semmai, potrebbe essere trascinato al ribasso sull’andamento dei tassi, una causalità che si è evidenziata, secondo La Financière de l’Echiquier dal 2014  il che evidenzia una leadership del mercato europeo che resta comunque forte vista la possibilità di avere vita propria e di restare impermeabile alle influenze Usa.

da italiamagazineonline.it

da italiamagazineonline.it