Il terrorismo non ferma noi. Non ferma gli Italiani. Non ferma l’economia.

Potremmo vivere solo di turismo. L’ho detto spesso e lo ribadisco. Ricordo l’intervento di un curato di Bari di stamane ad Uno Mattina. Uno dei tanti Italiani meridionali che ha accolto l’appello della comunità musulmana. E Bari ne ha risentito? No, anzi. Noi al meridione siamo fortissimi su questo, modestamente. Da secoli.

Oltre 23mila musulmani hanno visitato le nostre chiese solo in Italia. Sono stato contento di registrare che è stato al Mattino di Napoli che si è espresso il presidente della Comunità religiosa islamica italiana,

Arturo di Mascio

da famigliacristiana.it

. «Non bastano più messaggi di solidarietà, note di condanna, parole di biasimo. Oggi entreremo in Chiesa per compiere un gesto semplice e concreto: diremo ai nostri fratelli offesi dalla violenza che noi ci siamo, e vogliamo dar loro un abbraccio» E ancora: «Non sarà certo il gesto di oggi a porre fine al terrorismo. Ma a partire da questo gesto, vogliamo dare, insieme alla Francia, il segnale che l’Islam europeo è presente e intende dare una risposta culturale forte contro l’estremismo». Ha detto: «A noi fa molto male sentir parlare di “terrorismo islamico”. La religione islamica non ha niente a che fare con esso, non ha nessuna colpa; questo l’abbiamo detto sempre e lo ripeteremo sempre».

Al di fuori della questione umana, voglio anche dare uno sguardo a tutti gli spunti che questa situazione offre al mercato. Questa serie di attacchi tragici ha colpito tutta l’Europa. Ma questo sembra effettivamente inutile.  Ad agosto – secondo il sondaggio estivo Confesercenti-Swg – saranno ben 21 milioni coloro che si concederanno un periodo di ferie, di cui 6 su 10 sotto l’ombrellone: un numero, in linea con quello registrato lo scorso anno, che dimostra come l’effetto terrore sui consumi turistici sia per ora limitato (fonte: ANSA). Spagna e Grecia sono state le regine delle mete europee scelte dagli Italiani, ma anche il Regno Unito non sembra risentire dei danni della Brexit. Probabilmente perchè, come ho già spiegato in precedenza, l’UK non sarà definitivamente fuori dall’Unione per i prossimi due anni. E, anzi, consiglio di dare una rilettura all’articolo postato qualche settimana fa.