Dalle paralimpiadi alle olimpiadi

da quotidiano.net

da quotidiano.net

Paralimpiadi di Rio de Janeiro 2016: Alex Zanardi ci regala una nuova giornata magica! Qualcosa da custodire gelosamente nel baule delle meraviglie, nell’album dei ricordi azzurri delle Paralimpiadi di Rio. A trionfare è di nuovo lui, dopo l’oro e l’argento di ieri e l’altro ieri. Ancora e sempre è Alex Zanardi l’atleta capace di guidare la staffetta mista (Team Relay) della Handbike. Al secondo e terzo posto ci sono Stati Uniti e Belgio, a grande distanza dall’Italia.
Successivamente, il campione ha dichiarato: “A Londra ho affrontato il tutto in modo abbastanza scanzonato, nessuno si aspettava nulla da me, io invece ero convinto di poter far molto bene, ma questa volta tutti pensavano che per me vincere sarebbe stato facile – ha proseguito Zanardi -. Paradossalmente essere arrivato secondo nella gara in linea ha messo le cose a posto, nel senso che forse ha fatto capire alla gente che non ho vinto perche’ mi chiamo Zanardi, ma perche’ ho fatto 43 km/h di media in una gara di 20 km, questa e’ forza di braccia ed e’ tanta roba”.

Ora, questa uscita mi ha fatto molto riflettere, specie perchè il nostro campione ha citato Londra.

La revoca della candidatura rischia di costare a Roma e ai romani 20 milioni di euro: il cortocircuito in cui potrebbe infilarsi la sindaca sta proprio qui. Nel giugno 2015 la città fu candidata dall’allora sindaco di Roma Marino in virtù di una mozione approvata in assemblea capitolina che lo obbligava a farlo. Su questa base Roma ha chiesto allo Stato di sostenere la sua corsa, anche economicamente. Lo Stato ha quindi accettato, escludendo altre città e mettendoci dei soldi. Perciò, adesso, Roma non può dire allo Stato: ci ho ripensato, stavo scherzando.

Questi soliti battibecchi sono quelli che generano perdite economiche, ancor più dei veri e propri giochi olimpici. Perchè è vero che solo Londra e Pechino, in tempi moderni, si sono attestati come veri eventi da “bilancio in verde” per le amministrazioni locali ma questo tipico andirivieni è la rovina per noi, per la nostra immagine.