Ordini e domanda di credito in crescita.

Riportiamo ancora una notizia di agenzia da ansa.it
Ma ci è sembrato doveroso riportare anche un approfondimento pubblicato su Wall Street Italia scritto da Alberto Battipaglia.

Sulla flessione trimestrale pesa la dinamica negativa delle vendite di prodotti energetici, al netto dei quali il fatturato risulta, complessivamente, in lieve crescita (+0,1%). A novembre gli indici destagionalizzati del fatturato segnano incrementi congiunturali per l’energia (+0,6%) e per i beni di consumo (+0,3%), mentre registrano una flessione i beni strumentali (-3,7%) e i beni intermedi (-0,5%). A livello tendenziale l’Istat osserva come le variazioni positive più significative riguardano i settori della fabbricazione di mezzi di trasporto (+8,0%), della fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche, altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (+6,1%) e delle attività estrattive (+5,5%). Le variazioni negative più marcate si rilevano nella fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (-16,1%), nella fabbricazione di apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche (-4,5%) e nell’industria del legno, carta e stampa (-2,5%).

Gli ordinativi dell’industria crescono dell’1,6% a novembre 2015 rispetto a ottobre e del 12,1% rispetto a novembre 2014. Così l’Istat. L’aumento congiunturale è la sintesi di un aumento del 4,4% degli ordinativi interni e un calo del 2,5% di quelli esteri. L’incremento tendenziale più rilevante è nella fabbricazione di prodotti di elettronica (+157,1%) ed è attribuibile a commesse nella fabbricazione di strumenti di misurazione e navigazione.

Vendite novembre +0,3% su mese, -0,1% anno – A novembre 2015 le vendite al dettaglio aumentano dello 0,3% in valore rispetto a ottobre. Lo rileva l’Istat. Rispetto a novembre 2014 c’è un calo dello 0,1% (dati grezzi). Questa diminuzione è dovuta alla flessione della grande distribuzione (-0,5%), mentre sono in crescita le vendite dei piccoli negozi (+0,2%).

Nella grande distribuzione il valore delle vendite diminuisce, in termini tendenziali, dello 0,3% per i prodotti alimentari e dello 0,8% per quelli non alimentari. In particolare, l’Istat segnala che diminuiscono le vendite di ipermercati e supermercati (rispettivamente -2,5% e -0,6%) mentre aumentano quelle dei discount (+0,8%). Nelle imprese operanti su piccole superfici, le vendite diminuiscono dello 0,4% per i prodotti alimentari e aumentano dello 0,5% per quelli non alimentari. In generale, nel confronto con il 2014, il valore delle vendite cala dello 0,2% per i prodotti alimentari ed è invariato per quelli non alimentari. Nei primi undici mesi del 2015, il valore complessivo delle vendite vede un incremento tendenziale dello 0,8% con variazioni positive sia per gli alimentari sia per i non alimentari (rispettivamente +1,3% e +0,6%). Quanto all’indice in volume delle vendite, questo registra una variazione positiva rispetto a ottobre 2015 (+0,3%) e una variazione negativa rispetto a novembre 2014 (-1,0%).

Ed ecco un approfondimento di Battipaglia.

La domande di finanziamento da parte delle imprese italiane è in crescita nell’ultimo trimestre dell’anno, segnando l’incremento più pronunciato dal 2008 a oggi. Lo ha reso noto il barometro Crif, nel quale si legge che l’incremento nelle domande è stato dell’8,1% rispetto allo stesso periodo del 2014; se si considera l’intero 2015, invece, l’incremento è stato del 4,5%. In crescita anche l’importo medio richiesto che passa dai 69.478 del 2014 ai 72.805.

A dicembre il barometro Crif ha rilevato, invece, un calo tendenziale nella domanda di prestiti da parte delle famiglie, in calo dopo 14 mesi d’incremento: -4,1%. La media dell’anno resta, però, in crescita del 5,9%.

da ansa.it

da ansa.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *