Poveri giovani italiani

Da gazzettadiparma.it

Da gazzettadiparma.it

Lo slogan di arturodimascio.it recita: AI GIOVANI MANCA LA SPERANZA IN QUESTO PAESE. QUELLO CHE POSSO FARE È CERCARE DI AIUTARLI A COSTRUIRSELA. Lasciamo tutto in maiuscolo, perchè anche all’emozione va tributato il giusto. Abbiamo scritto spesso delle tragedie dei giovani ragazzi perchè straziano il cuore.

Pietro Sanna, nato 23 anni fa a Nuoro, è stato ucciso a coltellate ieri a Londra. Suo padre Graziano è partito stamane per il posto in cui suo figlio è stato assassinato: l’appartamento che divideva con altri giovani. Scotland Yard sospetta che un ladro entrato in casa si sia approfittato di lui. L’avviso gli è stato recapitato da suo figlio maggiore, Giomaria, che aveva portato il suo fratellino nella capitale inglese. Lì, dopo qualche impiego saltuario è riuscito a essere assunto da un grande magazzino.

Si vive nell’attesa; parenti e amici di Pietro vogliono sapere cosa è accaduto ieri nell’appartamento del giovane che a luglio sarebbe dovuto rientrare in Sardegna. Teresa May ha confermato negli ultimi giorni il suo impegno a mantenere tutti i diritti per i cittadini europei in Inghilterra. Ma questo può essere considerato come uno degli effetti della brexit? Pensiamoci per più di cinque secondi.

Ma non solo dall’estero ci giungono cattive notizie. È stato arrestato un ragazzo di un anno più grande di Pietro che faceva del male, però, a ragazzini molto più piccoli di lui.

Un 24enne della provincia di Cuneo, direttore sportivo di una squadra di calcio giovanile è stato arrestato perchè cercava di irretire minorenni con profili social fake. Si spacciava per una ragazza per dare poi appuntamenti a tre in presenza di un ragazzo di 24 anni. Lui, appunto. Attualmente è agli arresti domiciliari perchè nei suoi confronti è stata emessa ordinanza di custodia cautelare. Riusciva ad ottenere scatti hot dai ragazzini che ricattava, poi, per fare “ricarica” di questi contenuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *