Esteri: Dall’MI6 con Dearlove….

…….scorre nel DNA, spiegava a questo proposito

“È profondamente radicato nel DNA della Russia usare le capacità che ha per distruggere le nostre nazioni, per perseguire il proprio interesse nazionale. Per così dire, rinforzare Putin al potere. È una cosa piuttosto terribile da dire, ma è un paese violento e tendono a uccidersi l’un l’altro”.

I commenti sono giunti in un’intervista rilasciata a Sky News dall‘ex capo dell’MI6 Dearlove sulle crescenti tensioni Russia-Ucraina, come promemoria della rilevanza geopolitica russamentre le tensioni in Ucraina continuano ad aumentare. L’ex funzionario dei servizi segreti ha avvertito del continuo rischio di aggressione russa, spiegando che si tratta di un paese “violento”, perché questo scorre nel suo DNA.

A capo del servizio segreto britannico di intelligence dal 1999 al 2004 e dello staff della difesa tra il 1997 e il 2001, in merito agli avvelenamenti di Salisbury all’inizio dell’anno, Dearlove ha detto: “L’attacco nel Regno Unito si adatta a un modello storico. La Russia storicamente ha sempre usato l’assassinio come arma. Fa parte del DNA politico russo.”

Tuttavia, l’ex capo dell’MI6, ammette: “Non siamo più nella Guerra Fredda e non vedo la minaccia che la Russia rappresenta ora, equivalente alla situazione che abbiamo avuto nella Guerra Fredda”.

Arturo Di Mascio