Attualità: Fermiamo la malvagità nel mondo. – di Arturo Di Mascio

Il periodo storico in cui stiamo vivendo, sinceramente mi provoca un senso di malessere e sofferenza, nonostante io possa ritenermi fortunato, almeno sotto l’aspetto economico e del successo in società.

La crisi economica internazionale che ha aumentato la povertà nel mondo, affossando decine di anni di sforzi per, invece, abbassarla, e la crisi dei migranti, le brutalità del terrorismo e delle guerre fratricide stanno segnando questa epoca lasciando una scia di sangue quasi peggio della Seconda Guerra Mondiale. 

Anche il Pontefice ha parlato contro gli atti brutali di terrorismo, delle guerre e dell’indifferenza nei confronti di chi soffre, spesso per motivi di sfruttamento da parte di chi può, verso chi non può.

E’ necessario che israeliani e palestinesi riprendano i colloqui diretti in una ricerca di pace, e che gli sforzi internazionali intervengano seriamente per porre fine alle “atrocità” in Libia e in Siria.

Inoltre la comunità internazionale deve reprimere atti orribili che non risparmiano nemmeno il patrimonio storico e culturale di interi popoli.

Con l’aiuto di Dio credo che dobbiamo lavorare per fornire assistenza e accoglienza ai numerosi migranti e rifugiati, aiutandoli a costruire un futuro dignitoso per se stessi e per i loro cari. E’ giusto che però si fermino i falsi migranti che in realtà cercano luoghi per delinquere e seminare odio.

Fermiamo la possibilità che si avveri l’Apocalisse profetizzata da Giovanni.

Può sembrare retorico dire è Natale e dobbiamo essere tutti più buoni, ma aldilà del “religioso”, usiamo questo periodo di festa e gioia per avviarci verso un mondo migliore di pace e serenità.

Arturo Di Mascio